Tesori di Roma: foto di Roma gratis

FORO ROMANO

Rostra - Rostri Imperiali

I Rostri Imperiali con in fondo la Curia Giulia
I Rostri Imperiali con in fondo la Curia Giulia

ROSTRI

Circa nell'epoca quivi ora considerata fu adornato con i rostri delle navi prese agli Anziati il suggesto situato nel mezzo del foro, dal quale aringavano gli oratori al popolo; e perciò distinguendolo in seguito collo stesso nome di tali ornamenti,si disse Rostri, ed anche considerandolo come luogo Sacro, fu detto tempio. Prima che venissero questi Rostri trasportati, o edificati altri nuovi avanti la Curia, stavano situati nel mezzo del foro, vicino al Comizio, e congiunti alla Curia. Onde siccome abbiamo stabilito essere stato il Comizio disposto lungo il lato meridionale del foro, nella di cui inferiore estremità verso il Palatino stava innalzata la Curia; così si viene a stabilire essere stati tali Rostri, più antichi, posti nel mezzo di detto lato del foro, ed in modo che si trovassero pure vicino alla Curia, ed ivi venivano ad esser rivolti al foro stesso. Gli altri furono situati poi decisamente avanti alla Curia, come si deduce da Varrone, e dovevano essere ivi rivolti per l'altro verso di prospetto a tutta la lunghezza del foro; poiché ivi venivano ad essere in una estremità del medesimo. I Rostri primitivi per distinguerli dai nuovi dicevano Vecchj, e gli altri semplicemente Rostri, o Rostri Giulj da Giulio Cesare che l'aveva stabiliti, come in particolare li distinguono Svetonio e Dione, parlando dei funerali fatti ad Augusto. Da questa indicazione dei Rostri, sì nuovi che vecchj, si viene a stabilire la più precisa situazione della Curia Ostilia, non essere stata questa nel mezzo di un lato del foro: ma bensì vicino ad un'estremità del Comizio poiché i Rostri vecchj stavano nel mezzo del foro vicino al Comizio, ed i nuovi avanti la Curia, onde non potendo gli uni e gli altri occupare uno stesso luogo, ne veniva che la detta Curia si dovette trovare verso una estremità.

ESPOSIZIONE TOPOGRAFICA DI ROMA ANTICA - LUIGI CANINA - ROMA - DALLO STABIL. TIPOGR. DI G. A. BERTINELLI - MDCCCLV. 1855

Foro Romano

Piantine del Foro Romano